SEO facile in 3 mosse

Tutti vogliono essere indicizzati. Tutti vogliono essere sulla prima pagina di Google. Tutti si disperano perchè pensano che sia impossibile.Nesssuno sa che invece è fattibilissimo. Bisogna fare le cose in un certo modo per ottenere buoni risultati ed aver studiato un po' la filosofia (e le tecniche) SEO così che il posizionamento sui motori di ricerca non diventi una missione impossibile. Oggi vi offro 3 spunti interessanti su cui riflettere, con qualche suggerimento per cominciare fin da subito ad essere operativi.

  1. Le parole chiave. Non potete pretendere di essere al primo posto in breve tempo per parole chiave generiche e con un'elevata concorrenza. Facciamo un esempio: siete un autosalone che vende soprattutto auto usate semestrali ed aziendali a Bologna. Pretendere di essere al primo posto per le parole chiave: "auto semestrali", "auto aziendali", "auto usate" è un'otopia. Perché? Semplicemente perché ci sono molti altri siti, molto più importanti del vostro (in termini SEO) che hanno già tanti link verso di loro per quelle parole chiave ed hanno una presenza sul web ben consolidata. Allora, cosa fare? Scegliete parole chiave a coda lunga, come ad esempio: "auto semestrali mercedes bologna", "auto aziendali lancia thesis", "auto usate hyunday bologna". Che cosa abbiamo fatto? Abbiamo scelto delle parole con una frequenza di ricerca sicuramente più bassa, ma molto più pertinenti alla nostra attività ed alla nostra posizione geografica. Questo restringe di molto le ricerche ma, sicuramente, ci porterà visitatori potenzialmente realmente interessati alla nostra attività specifica.
  2. Inserite le parole chiave nel sito. Non basta inserirle nei meta tag all'interno del codice, bisogna che rivisitiate i testi del vostro sito web affinchè contengano le parole chiave che avete scelto, ma senza esagerare... Google apprezza il fatto che le parole che gli vengono indicate siano effettivamente usate nei contenuti pubblicati, ma sicuramente non apprezza il fatto che se ne abusi. Quindi, inserite una vostra parola chiave ogni 60 / 70 parole di testo.
  3. Linkate le parole chiave. Fate dei link delle parole chiave inserite nei contenuti ad altre pagine del vostro sito. In altre parole, create dei link interni fra le pagine e fate si che link e pagine di destinazione abbiano contenuti pertinenti, ovvero, non linkate la keyword "auto aziendali lancia thesis" ad una pagina in cui questa keyword non compare mai.

L'attività SEO è molto complessa per quanto riguarda la costruzione di backlinks (cioè i link che da altri siti rimandano al vostro), ma da qualche parte bisogna pur iniziare. Se seguirete questi tre semplici consigli il vostro ranking migliorerà gradualmente nel tempo, credetemi. A Google, ed in generale a tutti i motori di ricerca, piaccono poche ma sostanziali cose: originalità, coerenza e pertinenza. Questi tre primi passi sono fondamentali, anzi, obbligatori se volete conseguire un buon posizionamento sui motori di ricerca in maniera organica e quindi ricevere tante visite da parte di utenti che cercano proprio quello che avete da offrire. Durante le mie lezioni dico sempre che l'attività SEO si fa per il 10% sul proprio sito, e per il restante 90% all'esterno, costruendo link. Però se non portate a termine quel primo 10% seguendo determinate regole, è inutile che vi roviniate la vista (o il portafogli) per realizzare il restante 90%.